Accueil des fables

Chercher une fable

Les 12 livres

Les Fables

Tris de fables

Le bestiaire

Les personnages

Morales et maximes

Les sources

Contact JMB
Envoyez une carte postale avec cette illustration
Signaler cette fable Ó un ami
Imprimer


La Leonessa e l'Orsa Livre X - Fable 12


Un cacciator avea tolto alla mamma
Leonessa il suo piccolo leone,
e la povera bestia iva mugghiando,
empiendo l'aria e il bosco
di compassione.
Non la pace notturna e l'aer fosco,
non i notturni incanti
potean frenare gli ululati e i pianti.

N'aveva il sonno rotto ogni animale,
finchÚ l'Orsa grid˛: - Buona comare,
scusate, o che vi pare
che anch'essi non avessero parenti
quei poveri innocenti,
che son passati sotto i vostri denti?

- Li avevano. - Sta bene, Ŕ naturale,
ma non hanno strillato pei lor morti
come voi fate a romperci la testa.
Tacete e che il diavolo vi porti.
- Me sciagurata! io no, non tacer˛,
perduto il leoncello, un'assai mesta
vecchiezza trascinare ora dovr˛.
- Chi vi condanna? - Il mio crudel destino -.
Sempre il destino accusa
chi vuole a' mali suoi dare una scusa.

O miseri mortali,
che avete un mar di lagrime
per tutti i vostri mali,
guardate indietro, ad ╚cuba pensate,
e il cielo ringraziate.

ancre





W. Aractingy

Voyez aussi cette fable illustrée par: